giovedì 1 marzo 2012

NON AGGRAPPARTI AI MANIGLIONI DELLA VIRTUALITà





... il timore di "non campare" che emerge in questa società è legato a "paure" e ad "aggregati psichici" millenari...

tu credi veramente che l'essere umano possa campare  grazie al lavoro, ai soldini del datore di lavoro, alla pappa reale e al tettuccio sopra la sua testolina?
credi veramente che i meccanismi della macchina biologica, chiamata corpo umano, funzionino nella maniera che hai sperimentato in questa società?

mi spiace deluderti, ma non è proprio così che stanno le cose...

vedrai che alzando il velo puoi trovare delle realtà completamente differenti da quelle a cui sei stato indottrinato fin dalla tua nascita...

l'essere umano, per campare deve "essere un umano" ...
STOP !

l'essere umano per non campare deve "essere un automa"...

una volta che l'umano ha ricevuto il manuale delle distruzioni (è gratuito, invisibile e serve per fargli dimenticare la sua natura) diviene ufficialmente un automa

a questo punto è valida l'equazione -> l'automa per campare deve "lavorare",
agitarsi, preoccuparsi, essere un money dipendente, scordarsi della sua natura più profonda, rimuovere la sua essenza , identificarsi al 100% con la macchina biologica e ricercare se stesso nelle architetture filosofiche

So che tali principi non sono semplici né da comprendere né da attuare

Chi è immerso eccessivamente nella virtualità cade in uno stato di angoscioso oblio , trasformandosi in un ingranaggio meccanico che mette tutto "in relazione" alle lancette dell'orologio virtuale e alle regole degli orologiai stessi



Nessun commento:

Posta un commento